Il rosso più dolce che c'è: le ciliegie

Il ciliegio segna la primavera. Quando ero bambina ne avevo uno in giardino. Io ero piccola e lui era immenso, ma riesco a ricordare il suo profumo. I meravigliosi fiori bianco candido che venivano sostituiti dalle ciliegie, come per magia. Nonostante fosse molto alto mi ricordo che riuscivo comunque a raccogliere le ciliegie. Passavo interi pomeriggi a cercare di raccoglierle, ricordo le mani e la bocca colorate di rosso e il mal di pancia dopo averne mangiate in abbondanza.

Il ciliegio è un albero nella memoria della maggior di noi. Porta con sé un gesto semplice, ma che dona gioia e felicità a chiunque ne abbia uno in giardino, per questo non può mancare nel frutteto del tuo giardino!!

Immagine 1 - Fioritura del Prunus avium

Tutti conosciamo il Prunus avium, il ciliegio da frutto ma pochi conoscono le varietà che possiamo usare per il nostro frutteto in giardino. Le varietà più gustose, quelle che fanno le ciliegie dal rosso acceso fino a virare al nero intenso. Distinguiamo due varietà di ciliegio: il più comune ciliegio dolce, Prunus avium e il Prunus asprum, dal sapore più aspro, i cui frutti sono conosciuti come amarene, marasche e le vignole. Inoltre esistono le ciliegie e i duroni, la differenza sta nella forma del frutto e nella distinzione in due principali categorie: tenerine e duracine. Le prime tendono ad avere una polpa tenera di colore rosso scruro, le seconde sono di forma più grandi e dalla polpa più soda e hanno variazioni di colore che vanno dal rosso-nero al giallo chiaro, quasi bianco.

Il mondo delle ciliegie è davvero vasto ma voglio consigliarti 7 tipi di ciliegi di facile coltivazione che potrai inserire nel tuo frutteto. Tutti i ciliegi richiedono esposizioni soleggiate, preferibilmente riparati da correnti d’aria. Tollerano il freddo del quale hanno bisogno durante l’inverno, nella fase di vernalizzazione. Temono grandine e piogge abbondanti durante la fruttificazione perché danneggiano il frutto.

1. Prunus avium 'Liliegia Ferrovia' (clicca qui per acquistarlo)

Immagine 2 - Ciliegio ‘Ferrovia’

La ciliegia ferrovia è una tipica ciliegia pugliese adattabile e diffusa in tutt’Italia. Il suo nome ‘Ferrovia’ lo deve alla capacità del suo frutto di mantenersi per lunghi tragitti, qualità che permetteva che fosse trasportata da sud a nord quando le linee commerciali erano lente. La ciliegia è grossa dal colore rosso brillante, con la polpa soda e rosata. Essendo una varietà autosterile l’impollinazione avverrà mediante insetti impollinatori o mediante varietà autofertili presenti nelle sue vicinanze, come ad esempio il ciliegio ‘Regina’ o il ciliegio ‘Giorgia’. Quindi ricordiamoci che se vogliamo inserire un ciliegio ferrovia è consigliabile accoppiarlo con una varietà autofertile.

Ha un portamento assurgente, i rami si sviluppano verticalmente e produce fiori di colore bianco nel periodo primaverile. Si adatta molto bene ai climi del Sud Italia, per questo vi sconsiglio di utilizzarlo nel nord Italia dove le temperature ne limiterebbero la fruttificazione.

Clicca qui per acquistarlo online (https://amzn.to/3e1rX82)

2. Prunus avium ‘Durone di Vignola’ (clicca qui per acquistarlo)

Immagine 3 - Ciliegio ‘Durone di Vignola’

Il durone di Vignola, come dice il nome stesso, viene coltivato principalmente a Vignola, in provincia di Modena. E’ molto resistente e può essere coltivato da Nord fino al Sud Italia, in terreni non soggetti a ristagni idrici. Nei climi freddi è bene proteggerlo in primavera per evitare danni provocati da piogge fredde o brinate tardive. I frutti vanno a maturazione a metà giugno e hanno un colore rosso-nero con polpa soda e croccante dal gusto dolce e intenso. Produce molti frutti e potrai raccoglierli fino a fine giugno. Ciò che lo caratterizza è anche la sua splendida fioritura primaverile di colore bianco.

Anche questo ciliegio è autosterile e necessità di impollinatori al suo fianco, i consigliati sono il ciliegio ‘Bigarreau Moreau’, una specie molto produttiva che va a maturazione a fine maggio (puoi acquistarlo a questo link https://amzn.to/3nthMfq, se non lo trovi nel vivaio più vicino a te).

Clicca qui per acquistarlo online: https://amzn.to/2PAVdJm

3. Prunus avium ‘Bigarreau Moreau’ (clicca qui per acquistarlo)

Immagine 4 - Ciliegio ‘Bigarreau Moreau’

Il ciliegio Bigarreau Moreau’ è una specie autosterile, non necessita quindi di essere accoppiato con altre varietà. Puoi però accoppiarlo con il ciliegio ‘Summit’ per rafforzarne la produzione.

E’ uno dei primi ciliegi che si è utilizzato nei nostri giardini. Questa varietà ha origini francesi, è un albero molto vigoroso e dalla veloce messa a frutto. In primavera produce un abbondante fioritura di colore bianco e da maggio a giugno fruttifica producendo ciliegie di colore rosso intenso dalla polpa dolce e succosa. E’ molto resistente alle temperature e, come il Durone di Vignola, può essere piantato dal Nord al Sud Italia.

Clicca qui per acquistarlo online: https://amzn.to/3nthMfq

4. Prunus avium ‘Grace star’

Immagine 5 - Ciliegio ‘Grace star’

Ecco un'altra varietà autofertile, non necessita quindi di impollinatori e potrai inserirla anche singolarmente in giardino. E’ un alberello dal portamento semi-assurgente ad elevata produttività. Il frutto arriva a maturazione a giugno. E’ di un rosso intenso, dalla forma cuoriforme con una polpa dolce e consistente.

Si coltiva bene in qualsiasi parte d’Italia perché molto resistente alle temperatura e fiorendo tardi (aprile) non teme le gelate tardive. E’ stata premiata al concorso nazionale ‘Ciliegia d’Italia’ a Maenza, in provincia di Latina, nel 2017 come la ‘Ciliegia più bella d’Italia’.

5. Prunus avium ‘Regina’

Immagine 6 - Ciliegio ‘Regina’

E’ una nuova cultivar ottenuta in Germania da Tiemann K.N. al Fruit Experimental Station di Jork. E’ un albero dal portamento espanso con produttività medio-elevata tardiva, infatti produce frutti nel periodo metà giugno-inizio luglio. I frutti sono di grande dimensione, rosso brillante, più scuri a maturazione. E’ una varietà autosterile e necessita di una pianta vicina per produrre al meglio, le varietà consigliate sono: ciliegia ‘Kordia’, ciliegia ‘Sunburst’ o ciliegia ‘Ferrovia’, descritta precedentemente. Produce anche senza impollinatori vicino ma in questo caso la quantità di frutti è molto limitata.

6. Prunus cerasus var. amarena (clicca qui per acquistarlo)

Immagine 7 - Amarena

Le amarene hanno polpa e succo di colore chiaro, sapore amarognolo e leggermente acido e sono adatte anche al consumo fresco. Il frutto è di media pezzatura, forma sferoidale schiacciata ai poli con peduncolo lungo. La buccia è di colore rosso brillante. Va consumata matura quando lascia un gradevole sapore zuccherino. Matura a fine giugno, primi di luglio. E’ un piccolo albero dai rami esili, talvolta penduli con fusto eretto e corteccia liscia. La fioritura avviene in aprile ed è di colore bianco.

Clicca qui per acquistarlo online: https://amzn.to/3xw5gjX

7. Prunus cerasus var. marasca

Immagine 8 - Marasca

La marasca è un altro tipo di ciliegio aspro da cui si raccolgono le marasche, una variante delle amarene. Le marasche sono un frutto acidulo e leggermente amaro. Tutti conosciamo il maraschino, l’ottimo liquore che si ottiene da questi frutti, che mangiati freschi non sono particolarmente piacevoli.

E’ un piccolo albero che fiorisce in aprile e fruttifica a fine giugno. La fioritura è bianca e ve l’ho consiglio se volete qualcosa di inusuale nel vostro giardino.

Questi sono solo alcuni dei ciliegi che potete inserire nel tuo frutteto, puoi acquistare queste piante in vivaio o online. Prima di metterli a dimora ricordati di preparare il terreno.

PREPARA IL TERRENO PER IL TUO FRUTTETO

Alcune settimane prima della prevista piantumazione procedi con una vangatura del terreno (se non hai disponibile una vanga ti consiglio questa: https://amzn.to/3t0XMSo). Durante quest’operazione mescola il terreno con sabbia per migliorare il drenaggio e con un concime organico (tipo questo https://amzn.to/3sU5Q7y).

Preparato il terreno scava una buca grande almeno il triplo della zolla del tuo alberello. Sostieni l’albero con un bastone o una canna per il primo periodo e annaffialo abbondantemente.

Per i primi 3 anni è bene innaffiare le piante regolarmente, soprattutto in assenza di precipitazioni.

Ora che hai tutte le informazioni sei pronto per creare il tuo frutteto di ciliegi! Continua a seguirci per scoprire quali altre piante inserire nel tuo frutteto.